Earwig e la strega: il primo flop Ghibli

“Earwig e la strega” delude le aspettative (già bassissime)

Potrebbe sembrare un’opinione forte, a tratti esagerata, ma il nuovo film dello Studio Ghibli Earwig e la strega” è un disastro su quasi tutti i fronti.

Non c’è niente, in questo lungometraggio, della magia che distingue lo storico studio d’animazione giapponese, con le sue visioni immaginifiche – rigorosamente disegnate con metodo tradizionale, a mano – e le sue storie profonde e ispirate.

Un’eredità troppo pesante

Non c’è niente della poetica del maestro Hayao Miyazaki: d’altro canto non sarebbe nemmeno troppo giusto aspettarselo visto che qui al comando c’è il suo controverso erede Gorō Miyazaki.

Ma se si parla di Studio Ghibli le aspettative, giustamente, restano altissime e chi vede un film dello studio sa esattamente cosa aspettarsi: Earwig e la strega invece destabilizza, propone una rivoluzione estetica totale che, accompagnata da una storia sconclusionata, fa sospettare a chi guarda che si tratti di un brutto scherzo.

Le (pochissime) note positive

Earwig e la Strega di Goro Miyazaki, in fin dei conti, sarebbe anche un film interessante (nonché un altro adattamento Ghibli di un’opera della Jones dopo Il Castello Errante di Howl). Trova i suoi punti di forza nel carisma inusuale della sua protagonista e nella trattazione anomala del tema della magia. Purtroppo, però, le linee della storia non sono chiuse in modo convincente, lasciando lo spettatore con una spiacevole sensazione di incompiutezza.

Vi ricordo di seguirci sui nostri profili Instagram e Tik Tok per notizie, anteprime, video, Reels e tanto altro. Seguici anche su Facebook! Non dimenticate di supportare i nostri podcast su Spotify!

Related post

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *