https://images.app.goo.gl/3cqNKTsQVR95vSNdA

Anonymous contro Elon Musk – Complotti e verità

Anonymous, tra un complotto e l’altro. Le verità nascoste di Elon Musk, cosa c’è dietro all’attacco diretto nei confronti dell’imprenditore sudafricano da parte del gruppo di hacker più famoso al mondo

Molti di voi conosceranno Anonymous, il famoso gruppo di hacker che ha deciso di salvarci dagli abusi di potere dei potenti, rivelandoci i loro segreti. Se ci pensiamo bene, alla fine, che differenza c’è tra loro e Fabrizio Corona.

Parentesi comiche a parte, ricostruiamo i fatti di quello che successo. Elon Musk qualche tempo fa aveva fatto un tweet di apprezzamento per la nuova moneta virtuale: il Bitcoin. Poco tempo dopo la quotazione in borsa di questa nuova (si fa per dire) moneta schizzò alle stelle. Persone che avevano comprato Bitcoin a centinaia di euro si sono ritrovate tra le mani, veri e propri tesori, altre persone, invece, hanno investito veri e propri tesori nella speranza di duplicare il loro valore.

Il bitcoin da quel momento è stato sotto la lente di ingrandimento di tutte le testate giornalistiche, tutti i telegiornali e tutte le radio. Un investimento “sicuro”, che problemi potrà mai avere quello che veniva definito il nuovo bene rifugio (come l’oro, no, meglio).

Cos’è successo ora? Lo stesso Elon Musk, che tempo fa fece schizzare il valore del bitcoin in borsa, di recente lo ha bocciato, annunciando su Twitter che Tesla Inc. avrebbe smesso di accettare pagamenti in Bitcoin.

Motivo? Combustibili fossili. Nel senso che servono grosse quantità di combustibili fossili per produrre l’energia necessaria alla creazione di Bitcoin. Quindi all’apparenza dietro a questa scelta sembra esserci una motivazione ecologica. Come se il caro vecchio Elon lo avesse scoperto una settimana fa.

Un motivo lecito, come quello di Apple di non mettere il caricabatterie nella confezione per non inquinare. I più maliziosi potrebbero pensare a un risparmio sui costi e un aumento dei guadagni.

 

Potrebbe interessarti anche: Elon Musk è l’uomo più ricco del pianeta?

 

Ora torniamo ai nostri bitcoin però. Secondo voi cosa sarà successo dopo che Elon Musk, il fautore del successo di questa nuova moneta ha deciso di bocciarla? Sempre i più maliziosi potrebbero pensare a un crollo drammatico in borsa, e fanno bene, perché è proprio quello che è successo.

Molte persone, che avevano investito milioni in bitcoin, hanno perso tutto nel tempo di un tweet. Elon Musk poteva gestirla meglio? Sicuramente.

È qui che si collegano i fili della nostra storia. Anonymous in un video su YouTube promette guerra a Elon Musk, a detta loro per aver distrutto delle vite. Ascoltando il video, dal messaggio di Anonymous traspare un certo rancore personale nei confronti dell’imprenditore sudafricano.

Frasi come «la tua missione per salvare il mondo è dovuta più a un complesso di superiorità, da salvatore, che a una reale preoccupazione per l’umanità» oppure «hai comprato un’azienda – Tesla Inc. – da due persone molto più intelligenti», infine «pensi di essere il più intelligente di tutti ma ora hai incontrato chi ti tiene testa», ci fanno pensare che possano esserci altri motivi dietro a questo accanimento così diretto contro Musk.

Infine, è interessante porre l’attenzione su un passaggio del video di Anonymous, dove si legge «sembra che i tuoi giochetti con il mercato delle cripto-valute abbiano distrutto delle vite e mostrato un chiaro disprezzo per il lavoratore medio», sicuramente noi non abbiamo le informazioni segrete di Anonymous, però sappiamo con certezza che al picco del suo valore un bitcoin valeva circa € 50.000, difficile che se lo potesse permettere un lavoratore medio. Sottolineando sempre che ciò non giustifica il gioco a fare Dio di Musk, però questo glielo abbiamo permesso noi, glielo permettiamo ogni giorno, è troppo faticoso pensare.

Per concludere, vorrei invitare tutti a riflettere, a riflettere quando decidiamo di vendere le nostre informazioni o quando seguiamo la tendenza sull’onda del non pensiero. Viviamo in una società più pericolosa di 50 anni fa, viviamo più soli di 50 anni fa e dobbiamo imparare a lottare su tutte le piattaforme in cui si estrinseca la nostra persona, senza dare mai nulla per scontato.

Vi ricordo di seguirci sui nostri profili Instagram e Tik Tok per notizie, anteprime, video, Reels e tanto altro. Seguici anche su Facebook! Adesso ci trovi anche su Twitter! Non dimenticate di supportare i nostri podcast su Spotify!

Related post

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *